Il vino blu, novità nel mondo enogastronomico

Il vino blu, novità nel mondo enogastronomico

vino blu
vino blu

Buon pomeriggio amici positivi, siete amanti del buon vino? Fino ad ora potevamo gustare vini,bianchi,rossi,rosati ma da oggi c’è una novità o per meglio dire una rivoluzione.

Un gruppo di giovani ragazzi Spagnoli con specializzazioni che spaziano dalla viticoltura,alla musica,designer,programmatori ed artisti hanno dato vita al vino blu.

Blu elettrico. Sembra un cocktail ma ha il gusto pieno del vino. Senza zuccheri aggiunti, da gustare freddo.

L’idea è dell’azienda spagnola Gik si è inventata un nuovo modo di stupire e di sconvolgere un mercato da sempre fiorente e tradizionale.

“Aprite le menti e ignorate tutti i pregiudizi” è lo slogan di Gik. L’idea è di un gruppo di giovani spagnoli della provincia di La Rioja. L’obiettivo è di stupire e di rivoluzionare una delle bevande più classiche e tradizionali di sempre.

Un bicchiere rovesciato con un mare blu sul fondo e a fianco una parodia de “La creazione di Adamo” di Michelangelo da cui spunta la faccia di un dinosauro. Il lancio del vino blu richiama il genio, l’estro e gioca con la deformazione del concetto stesso di normalità. Obiettivo: stupire.

Il vino blu è una miscela di uve bianche e rosse delle regioni basche della Spagna, mescolate con una tintura indaco e con le antocianine, un colorante naturale presente in diversi fiori e frutti.

Il vino blu è perfetto con il sushi, i nachos, la pasta alla carbonara e il salmone affumicato.

 

Precedente La colomba fà il nido nell'auto della polizia Successivo amore paterno