Il caffè sospeso:Pasto gratis per i giovani senza lavoro

Caffè sospeso:Pasto gratis per i giovani senza lavoro

Sembrerebbe una storia che arriva da chissà quale luogo cari amici positivi ma invece questa cosa meravigliosa è tutta Italiana precisamente di Roma.

Tito Boeri, il presidente dell’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale, li ha definiti “la generazione perduta”, i nati negli anni ’80 che oggi hanno tra i 30 e i 40 anni, senza lavoro e quindi senza pensione. Così perduta da non potersi permettere neanche un caffè o un panino al bar. Lo sanno bene Lidia Di Monte, fotografa trentenne, Claudio Aloia, regista, Irma Di Monte, attrice, che 5 mesi fa hanno deciso di aprire un locale nel quartiere Pigneto di Roma e lo hanno chiamato “Caffè sospeso”, in onore alla tradizione napoletana di lasciare un caffè pagato in cassa per chi non può pagare.

Il sospeso in questo locale è per gli under 40 senza lavoro. La storia riportata sulle colonne dell’edizione romana di La Repubblica.

Sopra al bancone svetta una scatolina con la scritta “contro sospeso”. All’interno ci sono gli scontrini lasciati da chi frequenta il bar. Si può offrire una bevanda o un piatto del menù.

I proprietari dicono:

“In questo piccolo bar-bistrot la macchina per l’espresso è bandita e il caffè viene rigorosamente preparato con la tradizionale moka, come in casa. E soprattutto è gratuito. “A noi interessa condividere un momento, costruire relazioni, parlare con i clienti come si faceva una volta, senza cellulari e social network.”L’idea è di aiutare i giovani in difficoltà, senza lavoro nonostante lauree e master. E così abbiamo creato questo bar dove la solidarietà si trasmette tra i clienti”.

C’era diffidenza, chi chiedeva di pescare un conto sospeso aveva paura di essere additato come clochard o indigente”. Poi, con il passare del tempo, la scatola ha iniziato a svuotarsi ogni sera. “Tanti clienti di 30 o 40 anni, magari senza lavoro, approfittano di un succo di frutta pagato o di un panino gratuito. È un modo per risparmiare qualche euro e arrivare a fine mese senza l’incubo di non avere i soldi per pagare l’affitto”.

caffè sospeso
caffè sospeso

 

Precedente la Colonna Sonora della felicità Successivo earth day....happiness