La pianta del caffè,ottima in appartamento

La pianta del caffè,ottima in appartamento

Pianta del caffè
Pianta del caffè

Buon giorno amici positivi 🙂 se siete amanti del caffè, voglio proporvi un idea carinissima che ho scoperto oggi.

Oggi sono nuovamente tornata al mio vivaio di fiducia (di cui rinnovo il link per chi fosse curioso e volesse darci un occhiata) http://www.vivaiogreenservices.com/

Al vivaio mio marito nota una graziosa piantina con un vasetto a forma di tazzina e con tanto di cucchiaino e sapendo quanto amo il caffè mi dice:”Amore! La tua pianta!” ed in men che non si dica la pianta è venuta a casa con noi 🙂 Che meraviglia.

Ma come prendersi cura della pianta del caffè? Dunque dopo un attenta ricerca ho scoperto che è una pianta perfetta anche per la vita in appartamento.

Di cosa ha bisogno la Coffea ( nome corretto della painta):

Ama la luce ma non il sole diretto che farebbero bruciare le foglie.  Le temperature non devono scendere mai al di sotto dei 15°C. L’ottimale sarebbe una temperatura intorno ai 18°C. Sopporta temperature elevate anche 30°C però in questo caso abbiate l’accortezza di spostarla in una zona meno illuminata. Per pulire le foglie utilizzate un panno umido oppure fate la classica “doccia”. Non utilizzate mai lucidanti fogliari che ostruiscono gli stomi della pianta impedendo la respirazione.

Annaffiatura:

necessita di annaffiature regolari ed abbondanti senza eccedere, ed avendo cura di evitare i ristagni idrici. E’ una pianta che ama l’umidità per cui abbiate cura di spruzzare regolarmente la pianta, soprattutto durante i mesi più caldi.

Tipo di terreno e rinvaso:

La pianta si rinvasa in primavera inoltrata. Si utilizza un buon terriccio fertile. Nella scelta del vaso non sceglietelo troppo grande ma appena più grande del precedente (di 2 cm va bene) in quanto le sue radici amano restare compresse e non avere troppo spazio a disposizione.

Fioritura:

Questa pianta genera fiori bianchi e molto odorosi. La pianta del caffè fiorisce durante il periodo estivo producendo dei piccoli fiori bianchi, per lo più profumati anche se in appartamento è molto raro che ciò avvenga.

Potatura:

Se la vostra coffea è diventata troppo grande o volete sfoltirla, quando fate il rinvaso potete procedere anche alla potatura della pianta eliminando le fronde in eccesso. Abbiate cura che l’attrezzo che usate per il taglio sia pulito e disinfettato (preferibilmente alla fiamma) per evitare di infettare i tessuti.

Moltiplicazione per talea:

All’inizio dell’estate prelevate dai rami più vigorosi e da piante in buona salute delle talee lunghe circa 10-15 cm e con una gemma all’apice.

Si raccomanda di tagliare con una lametta o con un coltello affilato per evitare le sfilacciature dei tessuti avendo cura che l’attrezzo che si usa per il taglio sia pulito e disinfettato (preferibilmente alla fiamma) per evitare di infettare i tessuti. Si sistemano le talee in una composta formata da una parte di torba ed una di sabbia grossolana. Si fanno dei buchi con una matita, tanti quante sono le talee. Avere cura successivamente di compattare delicatamente il terriccio.

La cassetta o il vaso si ricoprono con un foglio di plastica trasparente (o un sacchetto messo a cappuccio) e si colloca all’ombra e ad una temperatura intorno ai 18°C avendo cura di tenere il terriccio sempre leggermente umido (annaffiare sempre senza bagnare le piantine in radicazione con acqua a temperatura ambiente). Ogni giorno si toglie la plastica per controllare l’umidità del terreno ed eliminare dalla plastica la condensa.

Una volta che iniziano a comparire i primi germogli, vuol dire che la talea ha radicato. A quel punto si toglie la plastica e si colloca il vaso in una zona più luminosa, alla stessa temperatura e si aspetta che le talee si irrobustiscano.

Una volta che sono diventate sufficientemente grandi ed hanno prodotto nuovi getti vigorosi, si trapiantano nel vaso o nel terreno definitivo.

 

 

 

Precedente Brexit: i turisti esultano, mai stato così vantaggioso Successivo Strage in Puglia e la grande solidarietà