jar of happiness…

vasetto
vasetto

jar of happiness il vasetto della felicità

Buon giorno amici positivi!!!!

Ho menzionato ieri il fatto che mi piace scrivere per ricordarmi nei momenti piu` cupi delle cose belle che mi sono capitate e oggi vi propongo un’idea che sembra essere molto in voga e che mi piace davvero tanto.

Un vasetto della felicita` è un progetto ispirato da Elizabeth Gilbert, autore di Mangiare, pregare, amore. è un modo semplice per ricordare a te stesso ogni giorno del bene che è venuto fuori della vostra giornata, anche se la giornata è stata una sfida.

Ogni giorno, pensa  a qualcosa che ti ha reso felice. Potrebbe essere qualcosa che è accaduto quel giorno, ma che potrebbe davvero essere un nonnulla. Si  fedele a te stesso; le cose più semplici  sono spesso i momenti più felici.
◾  non ci sono regole. Il vaso deve  servire a  voi, piuttosto che seguire un  rituale preciso.
◾se si desidera mettere le altre cose nel vaso si puo`, come  un token portafortuna,  un biglietto di  un viaggio che  avete amato o di una lettera  d’amore e  avanti cosi`. È il tuo il vaso.
◾una variazione di questo concetto è di concentrarsi sui momenti felici  come il tuo rapporto con il tuo compagno o i vostri figli. Una coppia, per esempio, può impegnarsi a scrivere le cose che amano l’uno dell’altro ogni giorno  e depositare le note nello stesso vaso.

Scrivete su un pezzo di carta. Trovare scarti di carta adatta per la scrittura di un piccolo messaggio.
◾se non riesci a trovare un pezzo di carta  scrivi la nota sul telefono. Inviare un messaggio di testo o e-mail a te stesso e ricordati di trascrivere in un momento successivo, così si può mettere un fisicamente la nota nel vaso della felicita`.

L’idea è di farlo quotidianamente ma la vita può essere impegnata e ricca di eventi , così se perdete giorni, non essere triste  basta riprendere da dove hai lasciato
◾impostare un promemoria giornaliero o allarme sul telefono.
◾tenere il vaso in un luogo sicuro dove non viene urtato ma  dovrebbe essere in vista per ricordarvi di usarlo.
◾se il vaso ha un coperchio, tenere il coperchio in caso si rovescia. Questo mantiene anche la polvere fuori, particolarmente importante se il vaso è molto grande e sarà seduto nello stesso posto per mesi o anni.

Leggere i messaggi quando la vita diventa difficile. Questa è la più bella parte del  barattolo della felicità. Quando si sente che tutto sta a voi e che non vi è molta  felicità nella vostra vita, estraete alcuni dei messaggi che avevate messo dentro e rileggetetli. Questi sono  promemoria della felicità che avete vissuto nella vostra vita e continuerà ad essere presente nella tua vita servirà come vi ritirerete su di morale. Il vostro passato felice vi sara` di conforto e vi dara` speranza . Sarà inoltre un modo per  ricordarvi che la felicità si trova nei momenti lungo il cammino e tutto dipende dale nostre azioni.
◾alcune persone amano di iniziare un nuovo barattolo della felicita` ogni anno e leggere I messaggi a fine dell’anno.
◾potreste considerare  la possibilità di effettuare un collage o un album di ritagli di tutte le vostre note.
◾si potrebbe desiderare di condividere il vostro vasetto della felicita` su Pinterest e/o anche con Elizabeth Gilbert. Ci sono un paio di pagine su Pinterest dedicate ai vasi della felicità; basta fare una rapida ricerca nel sito. Altri siti come Facebook, Tumblr, ecc menzionano questo progetto.

Allora amici cosa aspettate a fare il vostro barattolino della felicita`?

xxxxx

Good afternoon my positive thinking friends!!

After mention yesterday how I enjoy writing when life doesn’t look to good today I want to talk to you about a projet I really agree with.

A happiness jar is a project inspired by Elizabeth Gilbert, the author of Eat, Pray, Love.[1] It’s a simple way of reminding yourself every day of the good that came out of your day, even if the day has been a challenge.

Every day, think of something that made you happy. It could be something that happened that very day, but it could really be anything. Be truthful to yourself; the simpler things that delighted you are often the happiest moments.

  •  The thing is, there are no rules. The jar is to serve you, rather than you serving the ritual.
  • If you want to put other things in the jar, like a lucky token, ticket stub from a trip you loved or a note from a loved one, go ahead. It’s your jar and your fulfillment.
  • A variation of this concept is to focus on happy moments from a certain relationship in your life, like your relationship with your mate, or your children. A couple, for example, can commit to writing down things they love about each other every day and depositing the notes into the same jar.

Write it down on a piece of paper. Find scraps of paper suitable for writing a small message on. You could go to the effort of making a pile of ready-made pieces of paper (this can be a good motivator to keep doing this each day) or you could simply rip a piece of paper from a napkin, junk mail, or similar, as needed.

  • If you can’t find a piece of paper, write your note on your phone. Send a text message or e-mail to yourself and remember to transcribe it later, so you can put a physical note in the jar.

Make deposits into the happiness jar daily. The idea is somewhat to use it daily but life can get busy and events intervene, so if you miss days, don’t be fussed; just pick it up from where you left off

  • Set a daily reminder or alarm on your phone.
  • Keep the jar in a safe place where it’s less likely to be bumped or in the way of everyday activities but ideally, it should be in sight to remind you to use it.
  • If the jar has a lid, keep the lid on in case it gets knocked over. This also keeps the dust out, especially important if your jar is very large and will be sitting in the same spot for months or years

Read the messages when life gets tough. This is the most wonderful part of using a happiness jar. When you feel that everything is getting to you and that there isn’t much happiness in your life, take out a few of the messages and read them through. These reminders of the happiness that has been in your life and will continue to be present in your life will serve as a source of morale boosting. Your past happiness will comfort you and give you hope that there is more to come. It will also remind you that happiness is found in moments along the journey and is not a single destination with any defined point or actions.

  • Some people enjoy starting a new happiness jar every year, and reading the contents at the end of the year.
  • Consider making a collage or scrapbook of all your notes.
  • You may wish to share your happiness jar on Pinterest and/or even with Elizabeth Gilbert. There are a few dedicated Pinterest pages featuring happiness jars; just do a quick search in the site. Other sites such as Facebook, Tumblr, etc. also have some ongoing shared happiness jar projects.

Do you guys have a jar of happiness?

xxxx

Precedente Quindicenne scopre un' antica città Maya Successivo Gli amici delle piante